• slide1
  • slide2
  • slide3
  • slide4
  • MAI PIU' SOLI

    "La paura bussò alla porta, il coraggio aprì, non c'era nessuno. Era il coraggio di un intero popolo.Mai più sole le vittime del racket"

  • NOI DENUNCIAMO

    "Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana."

  • STOP AL PIZZO.

    "Un intero popolo che paga il pizzo è un popolo senza dignità"

  • DENUNCIA...TI CONVIENE

    "La paura e' l'origine di tutti i nostri mali, dunque non abbiate paura."

“Perché una società vada bene, si muova nel progresso, nell'esaltazione dei valori della famiglia, del bene, dell'amicizia, perché prosperi senza contrasti tra i vari consociati, per avviarsi serena nel cammino verso un domani migliore, basta che ognuno faccia il suo dovere.”

Associazione AntiracketFederazione delle Associazione Antiracket e Antiusura Italiane

mai piu soliLa FAI, fondata a Capo d'Orlando da Tano Grasso 25 anni fa, riunisce circa cento associazioni antiracket ed antiusura...

Leggi tutto...

Attività dell'Antiracket ascolto, assistenza e consulenza

testimonianzeStorie di donne, di associazionismo, di imprenditori, di troppi silenzi e solitudini che lasciano cicatrici profonde in un tessuto sociale che può e deve essere recuperato.

Leggi tutto...

Mai Più Solidove siamo

maniNoi come Associazione diamo la possibilità alle vittime di non essere sole, di avere assistenza ed il sostegno di altri imprenditori che hanno subito prima di loro un’estorsione...

Leggi tutto...

Ultime Notizie

  • Porto nelle mani della mafia, 24 condanne: 20 anni al nipote del boss
    Porto nelle mani della mafia, 24 condanne: 20 anni al nipote del boss

    Condanne a pene comprese tra i 20 anni e i 4 mesi di reclusione sono state emesse dalla gup del Tribunale di Bari Antonella Cafagna per 24 persone, affiliati al clan Capriati di Bari, accusate a vario titolo di associazione mafiosa, traffico e spaccio di droga, aggravati dal metodo mafioso e dall'uso delle armi, porto e detenzione di armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e continuate. Atri due imputati sono stati assolti. Stando alle indagini della Dda di Bari, il clan aveva assunto di fatto il controllo del servizio di assistenza e viabilità all'interno del porto di Bari.

    Le condanne più elevate, a 20 anni di reclusione, sono state inflitte a Filippo Capriati, nipote dello storico capo clan Antonio, e al pregiudicato Gaetano Lorusso. Condanna a 16 anni per i pregiudicati Michele Arciuli (40 anni) e Pasquale Panza, a 14 anni per Pietro Capriati, fratello di Filippo, a 12 anni per Salvatore D'Alterio.

    Il giudice ha rigettato la richiesta di risarcimento danni per la Cooperativa Ariete (che gestiva i servizi nel porto e di cui alcuni imputati erano dipendenti), mentre ha riconosciuto il risarcimento nei confronti delle altre parti civili costituite (Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale-Adsp Mam, Ministero dell'Interno, Agenzia delle Entrate e Associazione Antiracket Puglia).

    Le indagini della Polizia, coordinate dal pm Fabio Buquicchio, hanno accertato anche che il gruppo criminale avrebbe obbligato i commercianti del mercato di Santa Scolastica e gli ambulanti della festa patronale di San Nicola del 2015 ad acquistare merce da fornitori amici, utilizzando la forza di intimidazione del 'brand Capriati', oltre ad occuparsi delle attività tipiche della criminalità organizzata: traffico di armi e droga, furti e rapine.

    La sentenza è stata emessa al termine di un processo con il rito abbreviato. Contestualmente alla sentenza, il giudice ha rinviato a giudizio altri 9 imputati, tra i quali Sabino Capriati, figlio di Filippo, e ne ha prosciolti due al termine dell'udienza preliminare. Il processo nei loro confronti inizierà l'1 aprile 2020.

    Scritto Sabato, 18 Gennaio 2020 22:12 in News Letto 588 volte
  • Riunione Coordinamento Regionale FAI Antiracket Puglia per emergenza criminalità
    Riunione  Coordinamento Regionale FAI Antiracket Puglia per emergenza criminalità

    Riunione  Coordinamento Regionale FAI Antiracket Puglia per emergenza criminalità
     L' escalation criminale e i fatti di cronaca nera che hanno interessato la Puglia e nello specifico nelle ultime settimane la città  di Foggia  e il barese hanno reso necessaria una riunione del coordinamento Regionale FAI Antiracket.
    L' incontro si terrà martedì  21 gennaio con inizio alle 15.00 presso la sede regionale FAI in piazza Vittorio Emanuele a Molfetta.
    Vi prenderanno parte il vice presidente nazionale  il cavalier Renato de Scisciolo, il vice presidente nazionale di Avviso Pubblico, il dott Michele Abbaticchio, i referenti delle associazioni antiracket della regione, gli imprenditori foggiani che vogliono ribellarsi alla situazioni  venutasi a creare.
    Vista l' importanza e l' urgenza dei temi trattati presenzierà  alla riunione la dottoressa Barone Rosa Presidente Commissione regionale di studio e d'inchiesta sul fenomeno della criminalità
    Saranno quindi affrontati argomenti di estrema attualità  che coinvolgono tutta la società  civile che vuole ribellarsi al moltiplicarsi di questi fenomeni criminali che mettono a rischio la crescita della regione.
    Per questi motivi la stampa tutta e gli organi di informazione sono invitati a partecipare attivamente.

    Scritto Sabato, 18 Gennaio 2020 22:06 in News Letto 595 volte